Spazio Labo’ | Photograpy, Strada Maggiore 29 40125, Bologna, tel. 3515074890

MARTINA FERRARA

Quando partiamo?

Progetto realizzato all’interno del modulo di Progettualità ed Editing, tenuto da Laura De Marco.

Lucia Armentano nasce il 10 ottobre 1930 a Sant’Arcangelo, Basilicata. Ha tre sorelle e tre figli maschi, diventa vedova nel 1996, vive sola da allora. Lavora tutta la vita i terreni della Lucania insieme a suo marito Michele, crescendo i suoi tre figli con gli stessi valori con cui suo padre Vincenzo crebbe lei: l’onestà, l’umiltà, il lavoro. A ottantasei anni cade dalle scale e subisce gravi lesioni cerebrali che compromettono la sua memoria. Da allora vive in una vecchia villa risalente al millenovecento adibita a ospizio.

“Voglio andare a casa mia”, “Quando partiamo?”, “Prepara le valigie”, sono queste le parole tipiche che puoi sentire camminando per i corridoi di una qualsiasi casa di cura. La storia di Lucia non è diversa da quella di altre persone che popolano questi luoghi, che a un occhio esterno iniziano e finiscono nell’incapacità fisica. Non è raro non curarsi del fatto che anche loro abbiano vissuto una vita unica.

Lucia, mia nonna, donna forte e indipendente, con una mente altrettanto salda, adesso non riesce più a bastarsi: si annota i nomi dei nipoti su un foglio di carta perché non se li ricorda più, guarda in faccia i suoi figli e si chiede chi ha davanti, scambia le infermiere per amiche di infanzia. Facciamo di tutto per non lasciarla mai sola ma lei non riesce a ricordarsi delle nostre continue visite e di conseguenza è sempre adirata nei nostri confronti.

Guardo mia nonna e non rivedo la stessa persona che fino a un anno prima, nonostante vivesse tanto distante, ricordava ogni singolo compleanno e onomastico dei suoi sette nipoti. E ora che non riesce neanche a ricordare il mio nome, e che nei suoi occhi si proietta il vuoto, vorrei avere a portata di mano una scatola con dentro tutta la sua vita e regalargliela in modo che, frugandoci dentro, possa riappropriarsi di tutti i ricordi che le ha rubato questo incidente. Non potendo, mi limiterò a raccontare ad altri, come posso, la sua storia attraverso queste immagini.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi