Spazio Labo', Strada Maggiore 29, 40125, Bologna - Tel.3394534132

Il Tempo e la Fotografia

Incontro con Domingo Milella e Francesco Zanot in preparazione al Master in Fotografia di Ricerca

IL TEMPO E LA FOTOGRAFIA

Incontro con Domingo Milella e Francesco Zanot in preparazione al Master in Fotografia di Ricerca

Venerdì 23 marzo, ore 18.00
Ingresso libero

Domingo Milella e Francesco Zanot, due figure diverse eppure focali nel panorama della fotografia contemporanea italiana, si incontrano a Spazio Labo’ per affrontare insieme il rapporto tra tempo e fotografia, una riflessione che ci porterà dalle prime produzioni artistiche umane al mezzo fotografico come forma di espressione contemporanea che fa del tempo, dell’immobilità, la sua ragion d’essere.

Lo spunto sarà il nuovo progetto di Milella, in evoluzione anche attraverso una collaborazione critica e intellettuale con Zanot, dedicato alle origini dell’immaginario. La ricerca di Domingo, da sempre incentrata sul rapporto tra arcaico e contemporaneo e sulla confutazione di queste due categorie, si concentra oggi sulle più antiche pitture rupestri rinvenute finora, partendo dai dischi rossi nella caverna di El Castillo, attraverso molte altre grotte come La Pasiega in Spagna, dove le più recenti scoperte retrodatano al Neanderthal l’origine dei segni. Da questa “prima emersione del segno” si sviluppa il lavoro di Milella, dedicato alle relazioni che il mondo primitivo attiva in noi ancora oggi, una vibrazione nata tra 40.000 e 60.000 anni fa e che si riverbera sulle immagini che oggi produciamo.

 

Una riflessione ad ampio spettro che ci permetterà, nella stessa sera, di affrontare con Domingo i temi e la struttura del Master in Fotografia di Ricerca che lui stesso terrà a Spazio Labo’ dal 5 aprile al 14 ottobre 2018; un percorso di alta formazione rivolto a chi si pone questioni sull’arte e sul contemporaneo, a fotografi, curatori, artisti intenzionati a sviluppare una precisa, consapevole e articolata visione artistica. Il Master si propone come un viaggio interiore nella vita, nell’immaginario e nei sogni dei partecipanti per comprendere come sia possibile costruire un ponte tra il visibile e l’invisibile, tra ciò che è semplicemente un luogo e ciò che diventa memoria, ricordo, impronta.

Le iscrizioni al Master sono aperte fino all’esaurimento dei posti disponibili; la serata del 23 marzo è un’occasione per chiunque fosse interessato a confrontarsi direttamente con il docente per approfondire i temi della proposta formativa.

DOMINGO MILELLA
Domingo Milella è nato nel 1981 a Bari, dove ha vissuto fino all’età di 18 anni. Dopo essersi trasferito a New York, ha studiato fotografia presso la School of Visual Arts sotto la guida di Stephen Shore e successivamente Thomas Struth che è stato il suo mentore, colui che ha maggiormente influenzato il suo lavoro. Le sue fotografie hanno fatto il giro del mondo, sono state esposte alla galleria Brancolini Grimaldi di Londra, alla Tracy Williams di New York, al Foam Museum di Amsterdam, al MACRO di Roma, alla 54° Biennale di Venezia e a Les Rencontres de la Photographie di Arles. Le sue opere sono state inserite in importanti collezioni nazionali e internazionali tra cui la Margulies Collection di Miami e la Borusan Contemporary di Istanbul. Nel 2014 pubblica con Steidl la sua prima monografia, e nel 2015 è tra i curatori della mostra Tempo al Tempo presso Roman Road (Londra).
Nel 2017 è stato vincitore del Lucca Photolux Award. Attualmente vive fra Bari e Londra.

FRANCESCO ZANOT
Curatore e critico fotografico, Francesco Zanot (1979) ha curato mostre e libri monografici di artisti come Mark Cohen, Guido Guidi, Olivo Barbieri, Takashi Homma, Linda Fregni Nagler, Boris Mikhailov, Francesco Jodice, Carlo Mollino e molti altri ancora. Le sue ultime pubblicazioni sono dedicate al lavoro di Luigi Ghirri (The Complete Essays, Mack, Londra), Alec Soth (Ping Pong Conversations, Contrasto, Roma) ed Erik Kessels (The Many Lives of Erik Kessels, Aperture, New York). Direttore del Master in Photography and Visual Design di NABA, Milano, ha partecipato come relatore a conferenze e seminari sulla teoria e la storia della fotografia presso numerose istituzioni accademiche, fra cui la Columbia University di New York, l’ECAL di Losanna e lo IUAV di Venezia.
Curatore di Camera, Centro Italiano di Fotografia, Torino, dal 2015 al 2017, è associate editor di Fantom, piattaforma curatoriale con sede a Milano. Nel 2017 ha curato le mostre Give Me Yesterday e Stefano Graziani: Questioning Pictures presso Fondazione Prada Osservatorio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi